2 ottobre 2013

Cento giorni per cento orti - Carlo Petrini lancia la sfida


100X100 - Cento giorni per cento orti
A Cheese Carlo Petrini lancia la sfida del crowdfunding per sostenere il diritto al cibo

Cento giorni per cento orti, il primo, ambizioso progetto di crowdfunding di Slow Food. 
L’innovativa raccolta fondi inizia in occasione di Cheese e prosegue per i prossimi 100 
giorni con l’ambizioso obiettivo di raccogliere i 90.000 euro necessari a realizzare altri 100 
orti in Africa. Il crowdfunding va ben oltre l’idea di raccogliere fondi da un vasto gruppo 
di persone, perché trasforma i sostenitori in ambasciatori attivi e interattivi.

«Crowdfunding (finanziamento pubblico) significa che tutti insieme possiamo farcela»,
spiega Carlo Petrinifondatore di Slow Food.

 «Possiamo restituire agli africani il diritto al cibo e alla sovranità 
alimentare. L’Africa rappresenta un osservatorio strategico in cui si concentrano le 
pressioni che stanno mettendo in crisi il nostro pianeta: le colture estensive per 
l’esportazione, le multinazionali, l’urbanizzazione. Ecco perché è importante che chi come 
noi crede che un mondo diverso sia possibile, sostenga questa iniziativa. Ognuno con 
quello che può, non è importante la cifra, è importante esserci». 

"I social media e le nuove tecnologie consentono di dar voce e strumenti a chi crede che il 
coinvolgimento e la passione siano la via verso il bene comune" spiega Claudio Bedino,

fondatore di Starteed, piattaforma italiana di crowdfunding e partner del progetto. "Valori 
come fiducia, trasparenza e partecipazione ci accomunano a Slow Food, per questo 
abbiamo deciso di sostenere con le nostre competenze e la nostra tecnologia questa 
iniziativa". Cento giorni per cento orti è una campagna traversale, che unisce tradizione e 
innovazione. I visitatori di Cheese2013 hanno potuto donare alle postazioni mobili usando i più
classici barattoli messi a disposizione dal Consorzio Ricrea e ottenuti da acciaio riciclato o
le nuove tecnologie di pagamento, come carte di credito e smartphone, che per la prima
volta permettono un vero e proprio “live crowdfunding”.
 Per tutti i 100 giorni si potrà poi contribuire con carta di credito o bonifico bancario direttamente dal sito del progetto www.100X100orti.org,  condividendo l’esperienza con i propri amici e tenendosi aggiornati sullo sviluppo della campagna. Non resta che raccogliere la sfida».
(fonte Slow Food - Ufficio Stampa Cheese )