23 aprile 2018

La Spezia e Sarzana festeggiano insieme lo Slow Food Day 2018



Slow Food Day 2018 con gli amici del Mercato della Terra di Sarzana
di Gabriella Molli

Stare in un mercato di vallata dedicato esclusivamente al LOCALE e festeggiare lo Slow Food Day 2018 portando fra le gente il sano concetto di cereali buoni, puliti e giusti, grande tema dell’anno.
La giovane Fiduciaria Caterina Battistini  (eletta da poco nella Condotta Sarzana Lerici Val di Magra) ha mostrato una grande intelligenza organizzativa (ovviamente aiutata da un gruppo di soci molto attivi e dall'ex Fiduciario Edmondo Colliva) e di essere davvero culturalmente conviviale, come lo deve essere un socio Slow Food. Lo ha fatto assieme a Sandra Ansaldo della nostra neo-Condotta che si è avviata su un percorso di compartecipazione con le altre Condotte presenti sul territorio. Lo ha mostrato partecipando attivamente allo Slow Food Day di Sarzana, con due soci: Gianni De Scalzi (Laboratorio del pesto) e Gabriella Molli (cenni sul nuovo tema dei grani antichi avviato sugli areali dello Spezzino e del Pontremolese).


Allo Slow Food Day sarzanese è emerso con chiarezza come vi siano in Lunigiana autentici fermenti di questa ricerca e un buon numero di novità nel campo dei cereali (per citarne alcuni: Avanti 23, Frassineto).  La dimostrazione di preparazione e cottura è stata tenuta da due giovani produttori in un laboratorio per bambini, stile mani in pasta, e ha riscosso un grande successo. 


Ai bambini prima, e ai grandi dopo, è stato offerto un laboratorio a vista di notevole interesse storico. Prezioso e molto professionale. La preparazione dei testaroli e dei panigacci negli antichi strumenti ha avuto un evidente grande riscontro di pubblico. Il percorso ragionato ha trasportato in un tempo passato facendo conoscere un grano antico: il bolero. Un grano tornato a essere seminato e trasformato già in farina 0. Il secondo laboratorio della giornata è stato scelto in funzione del primo: il pesto al mortaio, realizzato con la formula del pesto genovese. Esecutore: Gianni De Scalzi, architetto con il cuore in Slow Food, che ha gareggiato a Genova all'ultimo grande appuntamento del Campionato Mondiale di Pesto al Mortaio. 


Ha partecipato un pubblico molto interessato. La formula del pesto genovese, la purezza del composto, il profumo e il gusto di un prodotto realizzato interamente con il mortaio, le spiegazioni, le domande e le risposte chiare e ben percepibili: questo il clima del laboratorio di De Scalzi, perfetto preparatore di un pesto che ha riscosso molto successo.  Questo Slow Food Day 2018 è la prima uscita della Condotta La Spezia - Golfo dei Poeti in una INTERCONDOTTA, vale a dire in una interazione fra due Condotte che collaborano a formulare insieme un evento, come interazione culturale inaugurando una collaborazione di territorio allargato, all'insegna di un omaggio alla Lunigiana storica e a tre prodotti d'oro (pesto genovese, testaroli e panigacci), contraddistinto dalla filosofia del ‘BUONO, PULITO, GIUSTO’.