14 marzo 2019

Una serata Slow con Angela Saba

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone sedute e spazio al chiuso

Degustazione dei pecorini di Angela Saba, che ci ha raccontato la sua particolare esperienza di produttrice del Presidio Slow Food del Pecorino a latte crudo della Maremma.
Da oltre 40 anni l’Azienda Agricola Saba svolge l’attività di allevamento ovino per la produzione di latte e formaggi. Tradizione vuole che il benessere animale sia requisito fondamentale per ottenere un prodotto di qualità. Ecco perché da sempre le  loro pecore vivono in piena armonia con l’ambiente che le circonda, una valle a metà strada tra la dolce collina ed il mare. Negli ultimi anni per migliorare ulteriormente la qualità del latte è iniziata una collaborazione con la facoltà  di  Agraria dell’Università di Pisa, che li ha guidati in una sperimentazione volta a creare un pecorino in grado di combattere il colesterolo “cattivo”.

L'immagine può contenere: cibo

Tale sperimentazione ha dato risultati sorprendenti, in quanto il semplice connubio tra i pascoli naturali ed una particolare razione a base di semi  di  LINO (ricco di Omega 3), ha fatto in modo che questo prodotto oltre a non far sviluppare il colesterolo, lo combatte (come hanno confermato i medici dell’Ospedale Brotzu di Cagliari, che lo hanno utilizzato su pazienti affetti da tale patologia). Il pecorino oltre a questo innovativo valore aggiunto si caratterizza per l’inconfondibile profumo e gusto ottenuti grazie alla sapiente ed attenta lavorazione di una volta.

L'immagine può contenere: cibo

L’azienda ha deciso da poco di introdurre nell'allevamento un piccolo gregge di capre da latte, vista la notevole richiesta di questo salutare alimento. Il formaggio ottenuto dal latte delle capre si caratterizza per sapore e leggerezza, grazie al particolare e spontaneo pascolo di cui si nutrono.

L'immagine può contenere: cibo e spazio al chiuso

In collaborazione con Onaf La Spezia
Menù:
Degustazione di formaggi
Zuppa di stagione
Dessert a cura della chef Silvia Cardelli